Pasta gluten free: un settore in forte espansione.

Il Gluten Free Expo, salone internazionale dedicato al mercato e ai prodotti senza glutine, ogni anno redige un Osservatorio sul mercato senza glutine e le sue dinamiche.
Negli ultimi anni un settore in forte espansione è quello della pasta gluten free, sia secca che fresca e ripiena. In questo comparto negli ultimi anni si sono affacciati sia nuovi pastifici dedicati esclusivamente alla produzione di pasta senza glutine, sia aziende storiche del settore tradizionale che hanno affiancato la linea di pasta gluten free a quella convenzionale.

Più nel dettaglio il campione di aziende intervistate è così suddiviso: il 49,5% di aziende produce esclusivamente prodotti gluten free, mentre il 50,5% ha sia una linea tradizionale che senza glutine.

Di queste, il 21,3% è impegnata nel comparto pasta con una o più referenze, sia che si tratti di pasta fresca, secca o ripiena.

slide_1-001

Nell’ultimo anno il mercato gluten free ha registrato trend di vendita molto significativi con vendite a valore che segnano +20,6%, mentre le vendite a volume hanno registrato +19,3%. L’aumento delle referenze a scaffale è pari al 19,5%.

0001

In particolare, il comparto pasta rappresenta quasi il 14% dell’intero volume d’affari del settore gluten free.
Nell’ultimo periodo in Italia, l’andamento positivo di questo mercato è dovuto, oltre all’aumento di persone che acquistano prodotti senza glutine per necessità, anche a fattori legati ai nuovi stili di consumo. Nella scelta di un prodotto, infatti, il 34% dei consumatori cerca prodotti che lo aiutino a seguire uno stile di vita sano, mentre il 23% ricerca prodotti con ingredienti naturali. Questi nuovi stili alimentari sono una diretta conseguenza del successo delle nuove referenze di pasta a base di legumi e cereali alternativi.

Nello specifico, nell’ultimo anno il comparto di pasta gluten free ha registrato un aumento delle vendite a volume del 15,3 % (che corrisponde a 6.360.581 kg di pasta), mentre nelle vendite a valore l’aumento si attesta sui 16,6%, pari a circa 30.772.954 €.

0001-2

A livello nazionale l’incidenza delle vendite a volume della pasta senza glutine è così suddivisa: 36% nell’area nord-ovest, 25,7% centro e Sardegna, 22,6% nord-est e 15,7% sud.
Per quanto riguarda l’ingredientistica, nel settore pasta senza glutine si sta riscontrando un maggior utilizzo di materie prime alternative, come legumi e cereali alternativi. Il mais rimane un ingrediente di base molto utilizzato, mentre il riso come ingrediente principale non è più così diffuso.

La crescita di questo mercato segna anche un’evoluzione nei canali di vendita che vede la presenza a scaffale della pasta senza glutine non più esclusivamente nel dettaglio specializzato (9,9%), ma sempre più diffusa nei supermercati (70,5%) e ipermercati (19,6%).
Da sottolineare come il fenomeno dei prodotti senza glutine stia interessando la GDO, non solo per il comparto pasta, ma in tutte le referenze.
Inoltre, è importante evidenziare che quasi il 13% dei prodotti del largo consumo confezionato riporta in etichetta il claim “senza glutine”.
L’interesse della GDO nel settore pasta senza glutine sta crescendo sempre di più, tanto che la quota relativa alla pasta senza glutine a marchio delle insegne rappresenta l’11%.

Questa crescita si riflette sull’intera filiera della pasta che vede nell’Italia uno dei leader indiscussi di questo settore, sia nel prodotto finito, che nei macchinari e nelle materie prime.

Annunci

REGNO UNITO E MERCATO FREE FROM: OPPORTUNITÀ E CRESCITA

Anche per il mercato Uk le previsioni di crescita del segmento free from sono positive. In attesa della settima edizione di Gluten Free Expo e della seconda di Lactose Free Expo di Italian Exhibition Group – dal 17 al 20 novembre 2018 alla Fiera di Rimini – grazie alla collaborazione stretta lo scorso anno tra Italian Trade Agency ICE, Agenzia per la promozione all’estero e internazionalizzazione delle imprese italiane – e Gluten Free Expo e Lactose Free Expo, sono state redatte da ICE delle note di mercato contenenti un’analisi dettagliata del mercato free from in alcuni paesi tra cui Regno Unito, Spagna, Germania, Francia e EAU.

Durante l’edizione 2017 di Gluten Free Expo e Lactose Free Expo la dott.ssa Antonietta Kelly, trade analyst dell’Agenzia ICE di Londra, ha presentato le potenzialità dei prodotti gluten free e lactose free nel mercato britannico. Da questa presentazione sono emersi dati interessati che rivelano la crescita costante che il comparto sta registrando in questi anni, non solo in Italia, ma anche all’estero, e il mercato Uk non è da meno.

Secondo Kantar World Panel nel primo trimestre del 2017, nonostante solo il 5% della popolazione britannica necessiti realmente di alimenti “free from”, il 54% di essa ha acquistato almeno un prodotto senza glutine o senza lattosio. Confrontando i dati 2017 con quelli del 2016, risulta che una media di 3,3 milioni di persone in più ha acquistato prodotti alimentari free from. Ne consegue che rispetto al 2016, le vendite 2017 hanno registrato un valore positivo, +36%.

Non solo, un consumatore britannico su 4 acquista regolarmente prodotti gluten free.

Si evince che anche per il mercato Uk le previsioni di crescita del segmento free from sono positive. Secondo Mintel Global Market Research, infatti, per i prossimi quattro anni i prodotti registreranno una crescita:

564X328GB.jpeg

Nel corso dei prossimi mesi diffonderemo altri brevi approfondimenti sui mercati esteri, che confermeranno l’appuntamento riminese come unico punto di incontro internazionale per il comparto free from.

Il mercato dei formaggi tiene anche grazie al salutistico

Il latte fresco, nei banchi frigo dei punti vendita, registra qualche difficoltà. Gli italiani, secondo i dati Assolatte, sempre più spesso negli ultimi cinque anni, lo snobbano per preferire le produzioni senza lattosio, il delattosato quindi, anche se non rientrano nella schiera degli intolleranti.
In generale, il comparto dei formaggi nell’area benessere (light+senza lattosio) continua a registrare ottime performance superiori rispetto a quelle del mercato (+5,7% vs ap) che a valore (+4,3%).
«Il mercato dei formaggi senza lattosio, nello specifico – puntualizza la direzione marketing di Granarolo – è il grande trascinatore del 2017, con performance che continuano ad essere estremamente positive. Da gennaio a maggio, i risultati vedono un incremento di vendite a volume del 17,9% e a valore del 12,9%, segno che questo trend
è stato ben accolto dai consumatori con la quasi totalità dei volumi rappresentato dal comparto dei formaggi freschi, che rappresenta il 78% su un totale di 3mila tonnellate (fonte: IRI infoscan Totale italia)». Leggi l’articolo completo su Distribuzione Moderna

GLUTEN FREE EXPO E LACTOSE FREE EXPO: MISSIONI INTERNAZIONALI DI PROMOZIONE IN ROMANIA E RUSSIA

18670993_1324996220916698_9123782334525530825_n

Nelle ultime settimane, Gluten Free Expo e Lactose Free Expo sono stati protagonisti all´ estero di convegni dedicati al settore della panificazione.

In particolare, al convegno annuale di Anamob, The Romanian National Association of Flour Milling and Baking Industries che si è tenuto a Bran il 27 maggio e al Second World Bread Forum organizzato a Mosca dall´8 al 9 giugno da Rospik, The Russian Guild of Bakers and Confectioners.

Lo scopo di questi interventi è stato quello di presentare le manifestazioni internazionali Gluten Free Expo e Lactose Free Expo e di fornire una panoramica sullo sviluppo e le potenzialità del mercato gluten free e lactose free in Europa.

Anamob e Rospik hanno riconosciuto le manifestazioni come l´unico punto di riferimento per il mercato senza glutine e senza lattosio e quale fonte privilegiata di informazioni aggiornate.

In occasione di queste missioni internazionali è stato possibile stringere accordi per favorire lo sviluppo internazionale di Gluten Free Expo e Lactose Free Expo grazie all´incontro con i rappresentanti delle locali associazioni nazionali di categoria per portare i buyers più importanti alla sesta edizione di Gluten Free Expo e alla prima di Lactose Free Expo, che si terranno a Fiera di Rimini dal 18 al 21 novembre 2017

19059714_1342262085856778_2151068766923540921_n